E’ scritto nel corpo Presentazione Libro



Al Gay Village di Roma c’è tempo non solo per il divertimento e la musica, ma anche e soprattutto per la divulgazione e la promozione della cultura lgbt. E’ stato recentemente presentato, davanti ad una platea interessata ed attenta, il romanzo della scrittrice e giornalista Eugenia Romanelli intitolato ‘E’ Scritto nel Corpo’. Edito da Boomke, il libro narra la storia di due donne, Sveva e Camilla, che dopo diversi anni di matrimonio si ritrovano a scoprire la propria omosessualità. Sono due donne apparentemente molto diverse fra loro, eppure la scoperta della dimensione lesbo le renderà unite, complici e molto più simili di quel che immaginavano. Il romanzo è un racconto di due storie d’amore, una omosessuale e l’altra eterosessuale, che la scrittrice descrive così: “Nella storia non c’è solo erotismo ma anche e soprattutto amore e spiritualità. Due storie d’amore, una eterosessuale l’altra omosessuale che si intrecciano, attraverso sfumature di noir, in un finale a sorpresa”.  In un’intervista in esclusiva per il Gay Village, Eugenia Romanelli ha modo anche di esprimere il suo parere circa il riconoscimento delle unioni omosessuali nel nostro Paese: secondo l’autrice, l’Italia potrebbe essere pronta ad accoglierlo. All’interno di tali considerazioni, ‘E’ Scritto sul Corpo’e, assume un significato ancora più importante in quanto utile al processo di conoscenza, da parte della nostra società, del mondo omosessuale e bisessuale: “Il problema – dice Eugenia Romanelli – è che l’argomento è poco conosciuto perché ci sono pochi film e scarsa letteratura, per questo ho dedicato “E’ scritto nel corpo” alla tematica poco battuta della bisessualità”.

 

Cattura