In Svezia si sposano di più le lesbiche che i gay



Che la Svezia fosse un paese molto civile, già lo sapevamo. E non solo per il tipo di politiche che si attuano lì o per la cultura, ma anche e soprattutto per i diritti alle persone lgbt che qui sono una conquista ben radicata e non una continua battaglia –come da noi…-. In Svezia le coppie formate da persone dello stesso sesso possono sposarsi tranquillamente, nella maniera più naturale possibile e in armonia con ciò che accade ovunque per qualsiasi altra coppia etero. Ma chi si sposa di più?

 

Le coppie gay o quelle lesbiche? A questa domanda ha risposto addirittura l’agenzia governativa Statistika Central Byran, che ha recentemente pubblicato i dati relativi ai matrimoni tra persone dello stesso sesso in Svezia. Da questi dati risulta, in maniera inequivocabile, che a sposarsi di più sono le coppie lesbiche (con ben 4.521 matrimoni all’anno, rispetto ai 3.646 matrimoni all’anno di coppie gay). Ma come è stato spiegato questo dato? Ulrika Westerlud, presidente della ‘Swedish Federation for LGBT rights’ formula una sua ipotesi: le coppie lesbiche spesso hanno figli –magari da precedenti matrimoni eterosessuali- e l’unione in matrimonio sarebbe anche una maniera per tutelare questi bambini da un punto di vista legale (sempre perché lì i diritti sono per tutti, non scordiamocelo…!).

 

La Svezia ha legalizzato i matrimoni tra persone dello stesso sesso già dal primo maggio del 2009. Fra l’altro, a poter celebrare i matrimoni ugualitari è anche la Chiesa luterana svedese… Chissà in Italia, semmai dovessero legalizzare le nozze lgbt, quali sarebbero le coppie che si sposerebbero di più, se quelle gay o quelle lesbiche… (intanto, speriamo che presto il matrimonio gay diventi legale, poi si vedrà…).

Cattura