Jack and Diane, un film lesbo torbido e affascinante



Oggi parliamo di un film indipendente che affronta la delicata tematica dell’amore lesbo in età adolescenziale. Si chiama ‘Jack and Diane’, per la regia di Bradley Rust Gray, ed è stato presentato in anteprima all’ultima edizione del Tribeca Film Festival 2012, ottenendo ottime critiche. Come suggerisce il titolo, la storia è incentrata su Jack e Diane, due ragazze molto diverse tra loro: la prima è la classica ‘dura’, che cerca di non farsi toccare troppo da tutto ciò che accade intorno, mentre Diane è dolce ed innocente. Le due sono attratte l’una dall’altra, e trascorrono tutta una notte d’estate a baciarsi con passione, seppur i loro sentimenti non sono ancora definiti e chiari. Ma a questo punto, il tutto si condisce di venature horror: Jack, mano a mano che prende coscienza dei suoi sentimenti e della sua attrazione fisica, si accorge che il suo corpo sta violentemente mutando… Ecco come descrive il suo film il regista Bradley Rust Gray: “Per descrivere il film, potrei dire che una storia d’amore è una ciotola di gelato e un film horror è un piatto di carne di qualità. Direi che il nostro approccio è stato quello di lasciar decomporre la carne, cuocerla, caramellarne i resti, poi mescolarli lentamente col gelato”. Una descrizione forse un po’ bizzarra per un film che è già un piccolo cult. La pellicola è stata acquistata dalla Magnolia Pictures ed è uscita nelle sale americane lo scorso primo giugno 2012, dopo una fase promozionale on demand dal 27 di aprile 2012. Siamo in attesa di poter vedere Jack and Diane anche da noi in Italia, speriamo il più presto possibile…