Scilipoti, dichiarazioni omofobe inaccettabili



Di personaggi folkloristici, nel nostro paese, ce ne sono tanti. E non si tratta sempre di cabarettisti ma a volte –purtroppo-, tali personaggi rivestono cariche politiche importanti e ‘in vista’, alle quali gli italiani, in teoria, dovrebbero fare affidamento. E’ il caso del deputato Domenico Scillipoti che, non pago delle sue gesta in Parlamento, non perde occasione per esprimere le proprie opinioni (omofobe), non appena ne ha l’occasione. E l’ennesima occasione gli è stata data dall’intervista per il programma di Klaus Davi, ‘KlausCondicio’, in onda su Youtube. All’interno di tale intervista, Scillipoti ha avuto modo di mettere in luce ancora una volta le sue idee opinabili circa l’omosessualità, utilizzando una dichiarazione della deputata Pd Pola Concia che si era dichiarata ‘orgogliosa di essere lesbica’.

Ecco le dichiarazioni a riguardo di Domenico Scillipoti: ”Paola Concia e’ orgogliosa di essere lesbica? Va bene, ma questo che significa? Anche una persona che si dichiara ladro si dice orgoglioso di esserlo proprio perche’ si comporta in maniera diversa da tutti gli altri”. Va bene, ognuno nel nostro paese ha il diritto di esprimere la sua opinione, ma possibile che, da un punto di vista di ‘accettazione del prossimo e delle diversità’, siamo ancora ai tempi del medioevo…? Poi Scillipoti prosegue: “[…]Ho solo fatto riflessioni ad alta voce e ho il coraggio di dire cio’ che penso. Se Paola Concia rivendica il suo lesbismo va bene, ma d’altra parte io rivendico cio’ che penso con molta forza, e non ho nessuna difficolta’ a sostenerlo e a gridarlo sempre piu’ forte. La Concia fa una scelta personale ma sicuramente due donne che stanno insieme non possono essere paragonate ad una famiglia”.