Susanna Tamaro Va dove ti porta il cuore…



Il suo ‘Và dove ti Porta il Cuore’ è stato un grande best seller letterario. Naturalmente dopo quel libro, Susanna Tamaro ne ha scritti molti altri ma, pur essendo un personaggio molto discreto, è stata comunque bersaglio di ‘pettegolezzi’. I rumors in questione, riguardano la presunta omosessualità della scrittrice italiana che da diversi anni ormai è intenta a smentire tali voci. Ma non solo. A prescindere dal diritto di preservare la propria vita intima e la propria quotidianità, anche da parte di un personaggio famoso, questa volta la Tamaro prende delle posizioni che lasciano molto da pensare. E lo fa in un’intervista che, recentemente, ha rilasciato per il quotidiano ‘La Repubblica’.

In tale intervista, la scrittrice non solo ha smentito categoricamente ancora una volta il fatto di essere lesbica, ma ha anche fornito un suo personale punto di vista circa la questione ‘omosessualità e chiesa’. Ecco alcuni stralci di questa intervista: “Non posso fare outing per qualcosa che non è vero. Non sono omosessuale. Vivo da sola, dormo da sola, in castità. Le persone che sono come me, e che amo, lo sanno: non potrei avere una vita diversa da quella che ho”. E questo per quanto concerne la sua presunta omosessualità. Poi il discorso della Tamaro si sposta sulla Chiesa e in special modo sull’accettazione o meno, da parte della Chiesa Cattolica, dell’omosessualità: “Non sappiamo perché uno nasce omosessuale, ma dobbiamo accettarlo, accoglierlo, non condannarlo. Non mi piace una Chiesa che condanna gli errori altrui e giustifica i propri”. E fin qui nulla di strano anzi, un discorso piuttosto condivisibile. E allora, semmai le voci circa la presunta omosessualità della scrittrice fossero vere, perché non dichiararsi apertamente e basta…?